Vacanze a Trieste

I motivi che possono portare i vacanzieri a scegliere la città di Trieste, come meta per le proprie ferie o gite sono davvero molte: il fascino stesso della città mitteleuropea, la natura, l'arte, la storia, i bellissimi castelli e tanti altri motivi che aiutano molto nella scelta. Una settimana di vacanza nella bella Trieste è di certo il minimo indispensabile assaporarne l'essenza e quindi la bellezza.

Ovviamente, se cercate la Movida, quindi discoteche, in generale locali notturni, spiagge del tipo Riccione e Rimini, non siete appassionati di cultura e la considerate noiosa, se siete alla ricerca del lusso e non amate le persone sincere, beh Trieste non è di certo la metà per voi e il Non del titolo è per perfetto! Per tutti gli altri tipi di vacanzieri, Trieste è la città perfetta in tutte le stagioni.

Gli abitanti della città e in particolare i triestini DOC, vi potranno suggerire quali sono le vere essenze di questo luogo: la bellezza di una gita anche in un giorno d'inverno, con rigide temperature, forte vento (bora), oppure la bellezza di passare un giorno autunnale del Carso di un colore rosso meraviglioso e altro ancora tutto da scoprire.

Ovviamente è fondamentale capire qual'é lo scopo della gita. Vediamo, in modo sintetico, stagione per stagione le caratteristiche delle città, per darvi la possibilità di scegliere il periodo a voi più congeniale.

La stagione invernale a Trieste

Se il vento soffia forte, quindi la Bora è in azione, è inutile negarlo, fa molto freddo. Per questo motivo vi suggeriamo di organizzarvi con un vestiario adatto al clima: non cappotti griffati e pellicce ma pratici e leggeri. Di certo i più pratici e utili sono pesanti giacche (tipo da barca), giacconi da montagna, indumenti riparano dal vento e vi tengono al caldo.

In pratica come si vestono gli abitanti di Trieste nei giorni invernali e loro conoscono perfettamente la situazione. Vestirsi in questo modo significa anche far felici gli animali che di certo preferiscono non diventare pellicce e cappotti! Inoltre se è una giornata di pioggia e la Bora impervia, ci si deve rassegnare, ci bagneremo, l'ombrello non può essere aperto per ovvi motivi, l'abbigliamento suggerito è perfetto in queste tipologie di giornata di 'massima sfortuna' climatica.

Lo stesso vale per le calzature: perfetti scarponcini da sopravvivenza in stile guerra, perfetti per tenere i piedi al caldo e asciutti. Vediamo cosa fare in nelle giornate invernali: visite, passeggiate, soste per un caffè, questo durante il giorno. La sera: non mancano in città offerte culturali, come cinema e teatri, in somma un bagno di cultura e la città nel offre molta e per tutti. Da non dimenticare, maltempo permettendo, la domenica carnevalesca, che si svolge nel comune di Muggia, che offre una delle sfilate di carnevale più belle e affascinati della Penisola.

Trieste in primavera

In questa stagione è necessario essere fortunati: se tutto va bene, con giornate serene, magari troppo calde, se va male freddo e vento. I suggerimenti, in modo generale sono quasi gli stessi del periodo invernale, infatti è opportuno portare indumenti come quelli invernali, ma anche qualcosa di più leggero, tipo maglie di cotone. Se siete fortunati, non ci saranno pentimenti per il periodo scelto. Cosa fare in primavera a Trieste, non è molto diverso dal periodo invernale, quindi musei, teatri e altro.

Rammentate che a maggio (la prima domenica) si corre la famosa Bavisela, che in dialetto significa alito di vento, in pratica una Maratona. Le strade della città, quelle d'accesso all'evento, sono chiuse, per quasi tutta la giornata. L'evento è una bella a grande festa, tutta da vivere. I giorni precedenti alla maratona, sono tutto un susseguirsi di manifestazioni, con bellissimi fuochi artificiali, concerti nelle piazze. Di solito in queste giornate il tempo è clemente, forse è solo fortuna a favore gli organizzatori, dei partecipanti atleti e ovviamente per il pubblico locale e turista.

Trieste in estate

Nel periodo estivo Trieste è molto calda, a meno che non si attiva il borino. I cittadini di Trieste sono molto patiti dell'abbronzatura. In Italia si dice 'tutti al mare' i triestini dicono si va al 'bagno', espressione che solitamente dice altro e lascia qualche perplessità fra i vacanzieri. Il tipo di abbigliamento nel periodo estivo deve essere composto da leggeri abiti, comodi e non deve mancare il telo mare e il costume. Trieste non offre vere e proprie spiagge, è necessario adattarsi, tutta la zona è balneabile e il mare è pulito, con la sola eccezione della zona Porto.

Numerosi le attrazioni serali estive, con spettacoli nelle piazze e assolutamente gratuite, ma attenzione all’ora 23:00 scatta il silenzio, obblighi comunali! Quindi, il suggerimento è di scendere in piazza presto e di godervi la serata fino alla fine. Non mancano ottime gelaterie, specie in zona stazione, con spettacolari granite, dolci e altro.

Trieste in autunno

I suggerimenti, generalmente sono gli stessi, il clima è ottimo, l'autunno è ottimo per una visita a Trieste, il Carso è al suo splendore massimo, la grigia pietra carsica, il rosso del sommacco e un bel blu del mare, insomma un periodo perfetto per gli appassionati del genere.

Iniziate a preparare i bagagli, Trieste vi attende a braccia aperte!