Trieste 1943-54: gli anni dell'attesa

Palazzo Vivante, dal 19 ottobre e dal 22 novembre

La mostra occupa, con 27 pannelli di ricca documentazione, il pianoterra del Palazzo Vivante, terminando lungo la scalinata interna con i profili di cinque protagonisti: Santin, Marzari, Bartoli, Einaudi e De Gasperi. La mostra sugli undici anni dell'attesa di Trieste si snoda sui «capitoli» di quella storia: dall'occupazione nazista all'insurrezione italiana, stroncata dall'occupazione jugoslava (i 40 giorni, fino al 12 giugno 1945): dall'esodo dall'Istria, nelle sue varie fasi e forme, alle prime elezioni democratiche di Trieste nel 1949 e 1952; dalle tragiche giornate di violenza del 1952 e del 1953 all'ottobre 1954 («finalmente l'Italia!»).
L'omaggio a una storia - che si debba non dimenticare ma che si possa anche rievocare con serenità di spirito e di giudizio - è testimoniato dalla
pluralità delle fonti da cui il materiale è stato ricavato. Si tratta di enti pubblici e di istituzioni private, in gran parte di Trieste, ma anche di Roma. Spiccano naturalmente l'Archivio di Stato e la Biblioteca Civica, l'archivio generale del Comune di Trieste, l'archivio storico della Lega Nazionale e quello dell'Istituto Saranz, con un'attenzione particolare per le emeroteche pubbliche e private e per il patrimonio fotografico, sia dei singoli studi (come quello di Mario Magaina) che degli archivi di Ugo Borsatti e Adriano de Rota della Fondazione Cassa di Risparmio di Trieste, nonché dei Musei Civici. Da Roma hanno collaborato strettamente la Fondazione De Gasperi e l'Istituto Luigi Sturzo.

orari della mostra:
da lunedì a venerdì 17.30 - 20.30
sabato 9.30-12.30 e 17.30-20.30
domenica 9.30-12.30
per informazioni 040302612
ingresso libero

 

[TORNA A WWW.TRIESTEITALIANA.IT]

 


www.triesteitaliana.it è il sito che la Lega Nazionale dedica al 50° anniversario del ritorno di Trieste all'Italia.
Vi troverete documenti del nostro archivio o collegamenti a siti esterni.
Se avete siti da segnalare, materiale da pubblicare o per qualsiasi informazione scriveteci.

    2004

www.leganazionale.it